Focus su…

Alla Facoltà del Design del Politecnico di Milano, una parmigiana, Deborah Ferraguti ha discusso un’ampia e approfondita tesi di laurea sull’allestimento di un percorso espositivo dedicato alla pasta presso la Corte di Giarola, relatore il prof. arch. Luca Basso Peressut. Il lavoro è risultato interessante e degno di attenzione per l’impostazione metodologica, la serietà di approfondimento e le soluzioni proposte. Ne pubblichiamo perciò una sintesi, corredata da alcune immagini del progetto.

Continua a leggere

Nel Museo della Pasta di Collecchio è stata rimontata ed esposta ai visitatori l’attrezzatura di un antico pastificio chiavarese. Fu acquisita, nel 1993, su iniziativa di Pietro Barilla, dai F.lli Celle di Chiavari che ne erano entrati in possesso nel 1979 rilevando un’attività, detta popolarmente in lingua locale da-o Bolàn (leggi da-u Bulàn), che, da oltre un secolo e mezzo, custodiva quelle macchine nei propri locali.

Continua a leggere

“La rappresentazione degli spazi dell’alimentazione”

In occasione di EXPO Milano 2015 gli studenti del primo anno del Corso di Disegno dell’Architettura e Laboratorio, al Corso di Laurea Magistrale Edile Architettura, dell’Università degli Studi di Brescia, tenuto dal professor Sereno Innocenti hanno effettuato – nell’anno accademico 2014-2015 – una serie di indagini sul territorio, tese ad individuare i “luoghi” legati all’alimentazione: dalle botteghe ai mulini, agli opifici, ai refettori monastici e storici. Tutti luoghi dove il cibo si produce o si consuma.

Continua a leggere

“… non avranno né odore né sapore spiacente”.
I campioni di pasta del 1837 e 1838 ritrovati nell’Archivio di Stato di Parma

Di Marzio Dall’Acqua, Mario Palazzino e Antonella Barazzoni (Archivio di Stato di Parma)

Continua a leggere

Origini e storia di un formato tradizionale di pasta ligure

Di Cesare Dotti – Segretario della Società Economica di Chiavari

Continua a leggere

Janello Torriani, nato a Cremona intorno all’anno 1500, fu il più grande costruttore di macchine del Cinquecento. Abile fabbro ferraio, orologiaio di fama universale, ingegnere idraulico geniale, matematico di corte e inventore acclamato, Janello Torriani conobbe già in vita una notorietà che andava ben oltre le mura della propria città. La sua fama si estese oltralpe, in terra germanica, nelle Fiandre, in Inghilterra e soprattutto nei regni iberici.

Continua a leggere